Bego per Sempre

Ci sono 800 messaggi


Data: 24/5/2020 ore 18:37

ROMA - Lele Oriali non è più il team manager della Nazionale: si dedicherà soltanto all'Inter, dove ricopre il ruolo di braccio destro dell'allenatore Antonio Conte. La conferma arriva dalla Figc: un mese fa è stato lo stesso campione del mondo 1982, successore di Gigi Riva dal 2014, a chiedere al presidente federale Gravina la rescissione anticipata del contratto, che sarebbe scaduto il 15 luglio prossimo, alla fine dell'Europeo. Proprio il rinvio del torneo a giugno 2021 da parte dell'Uefa e la paralisi dell'attività degli azzurri per la pandemia hanno spinto il dirigente a rinunciare agli stipendi residui, consapevole del fatto che - ha detto a Gravina - "c'è chi ne ha certamente più bisogno".
Un gesto, quello di non gravare sul bilancio della Figc, particolarmente apprezzato. Quando la Nazionale tornerà in campo, è possibile che Oriali ridiscuta col vertice della Federazione e col ct Roberto Mancini, col quale formava un affiatato tandem, il proprio reinserimento nello staff della Nazionale, in prospettiva Europeo o anche Mondiale 2022. Nel frattempo, dallo scorso autunno, è entrato nel gruppo in veste di capo delegazione Gianluca Vialli, altra figura di rilievo e dal ricco curriculum azzurro. In attesa della ripresa di settembre per la Nations League, programmata dall'Uefa ma ancora in forse per l'emergenza coronavirus, non si profilano appuntamenti organizzativi.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 18:34

MAGARI lo abbiamo lavorato anche da noi Theo!

Penso di averlo visto tra tutte le varie versioni almeno una decina di volte

Cri


Data: 24/5/2020 ore 18:33




Data: 24/5/2020 ore 18:29

Negli ultimi giorni visti:
- Euphoria (Netflix, 3,5 terami)
- Magari (RaiPlay, 4 terami)
- Il pranzo di ferragosto (Filmfestdc.org , 3 terami)

Theo


Data: 24/5/2020 ore 18:27

Sto guardando Colonia-Fortuna Dusseldorf, ovviamente non ci sono spettatori, c'è però il rumore del pubblico, ma non riesco a capire se è trasmesso dentro lo stadio o creato per la tv (credo la prima). Theo


Data: 24/5/2020 ore 18:24




Data: 24/5/2020 ore 16:59




Data: 24/5/2020 ore 16:22

Che è Goldrake???

Cri


Data: 24/5/2020 ore 16:5

Palma di Montechiaro: appena sbarcati 400 migranti: caccia alla ‘nave madre’



Data: 24/5/2020 ore 14:28

College Girls Porn Pics
http://milf.lesbians.instasexyblog.com/?ann

absolutely free russion porn hentai catgirl porn videos stacey silver biker porn pics melanie griffith porn ninja porn games




Data: 24/5/2020 ore 14:9

Rientrato ora dalla spiaggia, primi bagni fatti , un po' in ritardo rispetto al solito,
Ma come tutti gli impianti del resto.
Tutti in attesa degli eventi.
Blur


Data: 24/5/2020 ore 12:9

Caffè in pineta, tanta gente ma tutto abbastanza regolare diciamo.
Sole e nuvole leggere.

Cri


Data: 24/5/2020 ore 11:49

Buongiorno da Formia!

Cri


Data: 24/5/2020 ore 6:10




Data: 24/5/2020 ore 5:48




Data: 24/5/2020 ore 5:38

https://www.eurosport.it/calcio/il-borussia-moenchengladbach-gioca-davanti-a-13mila-tifosi.di-cartone_dia4882/slideshow.shtml#slider-0


Data: 24/5/2020 ore 5:36

PISA - Tantissime persone hanno voluto salutare Gigi Simoni, l'ex allenatore dell'Inter di Ronaldo scomparso venerdì 22 maggio all'età di 81 anni dopo una lunga malattia. La camera ardente dell'ex tecnico è stata allestita a Pisa. La moglie di Simoni, Monica, ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno inviato messaggi di cordoglio e di vicinanza alla famiglia: "L'affetto che riceviamo da ogni parte d'Italia, da tifosi di ogni squadra, grandi campioni come Bergomi e Simeone, o presidenti come Massimo Moratti che ci è sempre stato vicino in questi mesi, ci conforta tantissimo e ci allevia il dolore per una perdita enorme. Speriamo di poter regalare a Gigi il tributo che merita nel suo stadio: l'Arena Garibaldi Romeo Anconetani di Pisa. Vorremmo farlo ai primi di giugno"
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:28

BARI - Il divieto di assembramento non ha trattenuto i tifosi dal festeggiare la promozione del Bitonto calcio in serie C e in tanti si sono ritrovati in piazza, nella cittadina in provincia di Bari. Da qui, l'intervento delle forze dell'ordine verso sera, che hanno sanzionato alcuni tifosi per non aver rispettato le norme sul distanziamento sociale imposte dall'emergenza Covid. "Siamo felicissimi per la promozione dell'Us Bitonto, ma vi avevo pregato di non festeggiare in piazza per i noti motivi", ha scritto su Facebook il sindaco della cittadina, Michele Abbaticchio, spiegando che "sono intervenute le forze dell'ordine con la polizia municipale e dopo 20 minuti sono riuscite a riportare la situazione generale in stato di sicurezza. Con qualche sanzione. Alcuni sono stati riconosciuti e credo saranno perseguiti. Mi dispiace davvero - sottolinea il sindaco - per tutto quanto quello che ne consegue"
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:27

NEW YORK - La Major League Soccer cerca il modo giusto per ripartire, ma la soluzione sembra ancora lontana, anche perché non mancano i timori e le perplessità dei calciatori. Secondo Espn e The Athletic la Mls sta pensando di organizzare un torneo da disputare a porte chiuse a Orlando, in Florida, con le 26 squadre divise in tre gruppi da sei e un quarto girone da 8 club. I giocatori, però, sarebbero contrari al piano dei dirigenti della Lega che prevede una sorta di ritiro di 10 settimane a partire da giugno. Un mese di allenamenti, poi il via al torneo a luglio. I calciatori e l'intero staff (in tutto circa 45 persone a squadra) verrebbero sottoposti ai test sul Covid-19 tre giorni prima della partenza. Poi tutti al Disney World Wide of Sports, con controlli settimanali e altri test prima delle partite.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:27

LONDRA - Altri due giocatori del Watford sono in isolamento a motivo di contagi da Covid-19 che hanno avuto in famiglia. A rivelarlo il manager Nigel Pearson, che ha già dovuto fare i conti con altre defezioni: il difensore Adrian Mariappa e due membri dello staff erano risulati positivi nei primi test e altri tre tesserati si sono chiamati fuori dagli allenamenti per motivi personali, compreso il capitano Troy Deeney per preoccupazioni legate alla salute del figlio
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:26

NEW YORK - L'Associazione Giocatori della Nhl ha accettato la proposta della lega di un nuovo format con i playoff a 24 squadre, invece di 16, per la ripresa dell'attività del campionato di hockey nordamericano. Molti dettagli restano ancora da negoziare, in attesa che la proposta adesso passi al board dei proprietari, di cui è attesa l'approvazione nel giro di qualche giorno, sancendo così la fine della stagione per le rimanenti 7 squadre al momento peggio classificate. Secondo questo formato, si riprenderebbe con un mini torneo tra le migliori quattro squadre di ciascuna delle due conference per stabilire le teste di serie mentre le restanti 16 squadre sarebbero attese da un turno di playoff al meglio delle cinque partite per accedere al tabellone finale a 16 contro le teste di serie.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:25

WASHINGTON DC - La leggenda Nba dei New York Knicks Patrick Ewing, 57 anni, attualmente allenatore di college dei Georgetown, ha annunciato la positività al coronavirus ed è al momento ricoverato, unico membro degli Hoyas ad aver contratto il contagio. "Questo virus è serio e non dovrebbe essere preso alla leggera", ha detto.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:21

LONDRA - Quasi un anno dopo l’accaduto, il tentativo di rapina nei confronti di Mesut Özil e Sead Kolasinac continua ad avere effetti collaterali sulla vita dei due calciatori. Era luglio 2019 quando i due giocatori dell’Arsenal sono stati minacciati con pistole e coltelli nel centro di Londra affinchè consegnassero i loro preziosi orologi. E solo la capacità di reazione del terzino aveva fatto sì che i malintenzionati fuggissero senza aver ottenuto nulla. Ora però, proprio per le conseguenze di quell’aggressione, la moglie del nazionale bosniaco ha rischiato di finire in carcere. Come riporta il Sun, Bella Kolasinac è stata trattenuta dalla polizia in aeroporto per aver portato nel Regno Unito un’arma.
TASER – La consorte del difensore, spiega il tabloid, dopo l’episodio di violenza subito dal marito, è tornata in Germania e ha acquistato un taser, con tanto di permesso richiesto alle autorità tedesche per portarlo sempre con sè. Peccato però che le norme aeroportuali britanniche prevedano che è illegale tentare di introdurre una pistola elettrica nel Regno Unito senza segnalarlo. E quindi, al suo arrivo all’aeroporto di Biggin Hill, la ventisettenne è stata presa in custodia dalla polizia doganale. A spiegare l’accaduto arriva un comunicato del portavoce di Kolasinac. “È stata tutta una grossa incomprensione. Il taser era nella sua confezione e non aveva le batterie. Bella è stata in grado di dimostrare che aveva mandato delle mail alla compagnia aerea per essere sicura che potesse portarlo nel Regno Unito. Sfortunatamente, quando ha ricevuto la risposta, che le spiegava che lo strumento non era legale, era già in aereo con il telefono spento”.
FERMO DI POLIZIA – Dunque, dopo il volo, è arrivata la perquisizione, con tanto di fermo di polizia perchè il taser non era stato dichiarato in sede di partenza. “La compagnia aerea ha informato il personale della dogana che aveva con sè una pistola elettrica prima dell’atterraggio. Lei non l’ha dichiarata perchè non pensava di aver fatto nulla di sbagliato, in Germania se si ha il permesso il taser può essere legalmente portato in un bagaglio. Ovviamente è molto preoccupata della sicurezza dopo quello che è successo a Sead e a Mesut”. Lo stesso Kolasinac ha negato che nella borsa di sua moglie fosse presente anche un manganello. Secca la risposta dell’Arsenal. Il club londinese, spiega il Sun, non ha voluto affrontare la questione. “È una questione personale, il club non vuole rilasciare commenti”.


Data: 24/5/2020 ore 5:19

MANCHESTER - Tutta colpa del coronavirus. Il momento del calcio, anche economicamente parlando, non è dei migliori. E persino club storici e solitamente in vetta alla classifica delle società più ricche soffrono a causa delle conseguenze della pandemia. Il Manchester United ha appena annunciato un aumento di quasi 150 milioni di euro del suo debito, a dimostrazione che nessuno è immune dalla crisi che sta colpendo il mondo del pallone. Ma nel frattempo, i Red Devils cercano di “difendere” il proprio brand contro chi lo sfrutta, a loro modo di vedere, in maniera illegale. E quindi, come riporta Goal, lo United fa causa…a Football Manager.
DIRITTI – Proprio così, il club ha citato in giudizio la SEGA e la Sports Interactive, che producono il celebre videogame, per aver utilizzato il nome della squadra senza averne i diritti. Una questione, quella dei commercial rights, che ha colpito parecchie serie celebri, che si sono date battaglia per ottenere in maniera esclusiva i diritti di squadre di primissimo livello. E il Manchester United sostiene che le due aziende in questione non potevano utilizzare il nome del club, anche se il celebre logo è stato sostituito da un’immagine generica bianca e rossa, come accade sempre quando non ci sono i diritti sugli stemmi, anch’essi marchi registrati dalla società.
RISPOSTA – Gli accusati però si difendono, spiegando i motivi che rendono giustificata la presenza del nome del club. “Si tratta di un riferimento legittimo alla squadra del Manchester United in un contesto calcistico. Inoltre è stato utilizzato nei precedenti capitoli di Football Manager e Championship Manager, sin dal 1992, senza che il richiedente abbia sollevato alcuna contestazione. L’uso del nome è stato riconosciuto dallo stesso richiedente e ora non può esserci protesta al riguardo. Per anni la SI ha mandato copie del gioco ai giocatori e ai dirigenti del club e ci sono stati diversi commenti positivi, alla stampa e sui social, da parte loro. In più lo staff dello United che si occupa dello scouting ha chiesto diverse volte di avere accesso al database di Football Manager per motivi di ricerca”. La guerra, dunque, è solo all’inizio…


Data: 24/5/2020 ore 5:17

BERLINO - “Sappiamo esattamente cosa significa il derby per i nostri tifosi. Questa volta abbiamo fatto davvero bene”. Questa frase di Vedad Ibisevic, l’autore del primo dei 4 gol dell’Hertha nel derby di Berlino contro l’Union, spiega anche perchè, subito dopo il fischio finale, i giocatori berlinesi abbiano voluto andare sotto la Ostkurve dei loro tifosi. Era vuota, ma i giocatori l’hanno omaggiata come se fosse piena. Era l’unico modo che avevano di condividere almeno simbolicamente, con i propri tifosi la vittoria appena conseguita.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:15

ROMA - Manca la ratifica del Consiglio federale, ma adesso lo champagne può essere stappato. Il Direttivo della Lnd ha promosso a tavolino in C le 9 capolista della Serie D e tra queste ci sono due piazze storiche che potranno rivedere il professionismo.
QUI MANTOVA — Sono passati 1.111 giorni tra l’addio e il ritorno nel calcio professionistico. L’ultima apparizione fu la vittoria 3-1 sul Südtirol del 7 maggio 2017, resa vana dai guai societari: 6 presidenti in 7 anni, l’inadempiente gestione romana e lo sprofondo in D. Ora la stabilità con l’avvento di Maurizio Setti, il presidente del Verona che nel giugno 2018 ha rilevato il club tramite la sua Fiduciaria Emiliana. Setti ha nominato presidente Ettore Masiello e d.s. Emanuele Righi, e soprattutto ha investito pesantemente, dando concretezza alle ambizioni di una piazza con 1.750 abbonati e 2.300 spettatori di media. Ora per la C da Verona potrebbe arrivare Massimo Margiotta come d.s.
QUI PALERMO — Il primo atto della rinascita è compiuto. Il Palermo, risorto sulle ceneri del fallimento della Arkus Network sotto il binomio Mirri-Di Piazza, può festeggiare il ritorno tra i professionisti. Un obiettivo mai messo in discussione in virtù del primato in classifica nel girone I fin dalla prima giornata. È il risultato di una squadra costruita la scorsa estate in appena un mese dall’a.d. Sagramola e dal d.s. Castagnini e che il tecnico Pergolizzi ha saputo sfruttare con merito in tutte le sue potenzialità. Il presidente Dario Mirri, però, frena gli entusiasmi: “Diciamo che abbiamo vinto il campionato, ma aspettiamo l’ufficialità della promozione. Mi dispiace che non si potrà festeggiare con i tifosi dopo tante pene”.


Data: 24/5/2020 ore 5:13

PALERMO - “Gioie. E divorzio. Consensuale. La storia di Pergolizzi con il Palermo finisce qui, paradossalmente nel giorno di maggiore felicità, e del suo personale trionfo, con la squadre promossa in Serie C“.
Apre così l’edizione odierna de Il Corriere dello Sport annunciando un divorzio, quello tra il Palermo e Rosario Pergolizzi, che era già nell’aria da tempo. Non è bastato centrale l’obiettivo della promozione in Serie C (che verrà ufficializzato a giugno) per il tecnico palermitano. Dopo soli dieci mesi, quindi le strade si superano senza accuse ma in comune accordo.
“Una decisione perfezionata, era ora, da un incontro con Mirri e Sagramola: una stretta di mano e un abbraccio, malgrado opinioni diverse. E oggi Pergolizzi è già ad Ascoli dai suoi familiari, dopo mesi di quarantena L’addio non lascia strascichi, il destino, del resto, sembrava segnato. Se il Palermo aveva dubbi e il tecnico non era più convinto di continuare, meglio così. Parma e Bari insegnano“, si legge.
Il tutto verrà ratificato nel consiglio di amministrazione in programma il prossimo 26 maggio, dove vi sarà anche un confronto tra Mirri e Di Piazza, nel quale verrano tracciate le linee guida per il prossimo campionato, in cui i rosanero hanno l’ambizione di cercare di fare il doppio salto e giungere in Serie B.
Tornando a Pergolizzi, che ha salutato anche la squadra, non mancano le proposte dal altri club in giro per l’Italia. Per il tecnico quella di Palermo, d’altronde, non è una bocciatura, anzi… E’ riuscito a protrae tra i professionisti i rosanero nonostante tutte le difficoltà, a partire da quelle iniziali con una squadra completamente nuova e costruita in pochissime settimane: “Ora, spetta lui dare un’altra risposta. Sul campo. E a Mirri e Sagramola il compito di costruire un Palermo vincente“, conclude il quotidiano.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 5:10

ORLANDO - La ripartenza dell¡¯Nba, ferma dall¡¯11 marzo per pandemia, ha ufficialmente fatto un balzo da gigante: Mike Bass, portavoce della Association, ha annunciato che la lega e l¡¯associazione giocatori hanno avviato i colloqui per riprendere la stagione a fine luglio a Disney World, poco fuori Orlando.
L¡¯ANNUNCIO ¡ª ¡°L¡¯Nba, in associazione con la Nbpa (il sindacato giocatori, ndr), ha avviato contatti esplorativi con la Walt Disney Company per ricominciare la stagione 2019-20 a fine luglio al Espn Wide World of Sports Complex, parte di Disney World in Florida. Sarebbe il sito unico per partite, allenamenti e alloggi - ha detto Bass in un messaggio -. La nostra priorit¨¤ resta quella di assicurare la salute e la sicurezza di tutti quelli coinvolti, e stiamo lavorando con esperti di salute pubblica e autorit¨¤ governative per assicurarci di avere dettagliate linee guida che ci consentano di avere appropriati protocolli medici e protezioni¡±.
LA BOLLA ¡ª Quello di Bass ¨¨ il primo annuncio ufficiale di un tentativo di ripresa della stagione sospesa, e trasforma Disney World nella bolla in cui l¡¯Nba ¨¨ pronta a chiudersi per completarla. Si ripartir¨¤ senza tifosi, ovviamente, e il mondo delle fiabe sembra perfetto. Perch¨¦ ¨¨ poco fuori citt¨¤, grande abbastanza non solo per ospitare le partite e gli allenamenti anche in caso la Association decida di ripartire con tutte e 30 le squadre, e anche perch¨¦ ¨¨ una propriet¨¤ privata in cui sar¨¤ pi¨´ facile attuare misure di sicurezza per controllare gli ingressi durante la ripartenza della stagione. E ha tutto quello che serve: strutture gi¨¤ esistenti, resort sempre all¡¯interno della propriet¨¤ Disney per ospitare i giocatori, i coach e il personale delle varie squadre (viaggeranno in 35 al massimo) e della lega. Il rapporto di lunga data tra Nba e Disney ha avuto ovviamente un ruolo importante: la casa di Topolino ¨¨ proprietaria di Espn, parte del network di tv che ogni anno passa alla Association 2.8 miliardi di dollari in diritti per le partite sul piccolo schermo. Lo Espn Wide World of Sports Complex ¨¨ un complesso di strutture sportive che comprende anche un¡¯arena per il basket da quasi 5000 posti, dove lo scorso agosto l¡¯Nba ha tenuto la fase finale del suo Jr. Nba Global Championship, una sorta di mondiale per 13enni e 14enni. La Association stavolta non ha bisogno di arene da riempire (e per questo non user¨¤ l¡¯Amway Center, casa dei Magic sponsorizzati proprio dalla Disney), ma di campi da basket al coperto predisposti per i collegamenti tv in cui far giocare e allenare le sue squadre: all¡¯Espn Wide World of Complex ce ne sono 12.
NBA E DISNEY ¡ª Quello tra Nba e Disney ¨¨ un rapporto talmente stretto che nell¡¯agosto 2019 a Disney World ha aperto la Nba Experience, un¡¯attrazione che consente ai 70 milioni di visitatori l¡¯anno del parco che alimenta la vita di Orlando di provare l¡¯atmosfera Nba, dalla stretta di mano al Commissioner Silver (una sua statua di cera, ovviamente) per assaporare le emozioni del draft ad un abbraccio con foto al Larry O¡¯Brien Trophy. Bob Igor, executive chairman di Disney, ha anche parlato all¡¯assemblea dei proprietari Nba lo scorso 17 aprile. Disney World meglio di Las Vegas quindi, con Sin City che aveva proposto una serie di casin¨° come bolla in cui ospitare i giocatori. Il sindaco della citt¨¤ del Nevada per¨° aveva ad inizio mese fatto una dichiarazione che poco era piaciuta alla Association, quella che avrebbe riaperto i casin¨° nonostante la pandemia non fosse ancora stata superata attuando una sorta di logica di immunit¨¤ di gregge. E con l¡¯Nba che pensava ad una bolla da cui i giocatori potevano entrare e uscire, non sembrava la soluzione ideale.
I PROSSIMI PASSI ¡ª Come specificato nell¡¯annuncio, la trattativa per ora ¨¨ solo ¡°esplorativa¡±. Ma salvo sorprese ¨¨ la direzione che intende prendere la Association. Venerd¨¬ 29 ¨¨ in programma una nuova assemblea dei proprietari, in cui si discuteranno le tappe della ripresa con in mente la deadline che il commissioner Silver aveva dato a giocatori e squadre per decidere sulla ripresa: non oltre il 15 giugno. Il primo giugno le squadre avranno la possibilit¨¤ di richiamare in citt¨¤ i giocatori che hanno passato il lockdown altrove e potranno aumentare gli allenamenti, per ora limitati a sedute individuali e volontarie. Una fase che entro il mese di giugno si evolver¨¤ in veri e propri training camp: ai giocatori sono stati promesse almeno 3 settimane per rimettersi in forma dopo una pausa lunga ormai oltre 70 giorni. Servir¨¤ tempo e ci sono ancora tanti dettagli da definire, a cominciare dal formato con cui si ripartir¨¤. Ma la ripresa del 2019-20 non ¨¨ mai stata cos¨¬ vicina.


Data: 24/5/2020 ore 4:59

MADRID - Ci siamo. La Liga ripartirà nella settimana che inizia lunedì 8 giugno. Questo ha appena detto Pedro Sanchez, Primo Ministro spagnolo. Javier Tebas aveva sempre indicato il 12 giugno come data di ripartenza auspicata, ma negli ultimi giorni si era diffusa una voce secondo la quale il ritorno in campo del campionato spagnolo poteva slittare al 19 giugno. Non sarà così.
Parlando alla nazione per enunciare le varie misure legate alla ¡¥desecalada¡¦, la ripartenza della nazione, il Primo Ministro Sanchez ha affrontato anche il tema calcio: ¡§La Liga riprenderà la settimana che inizia lunedì 8 giugno¡¨. Dalla Liga comunicheranno a breve il giorno preciso della prima partita, ma l¡¦ipotesi più probabile è che si parta venerdì 12 col derby di Siviglia.
All¡¦inizio della prossima settimana, forse già lunedì sarà diffuso l¡¦intero calendario delle 11 giornate che mancano al completamento del torneo spagnolo. Tebas ha già dichiarato a più riprese che si giocherà tutti i giorni con la previsione di chiudere il 26 luglio. Gli orari dell¡¦inizio delle gare saranno tra le 18 e le 19.30 nei giorni della settimana, tra le 19 e le 23 sabato e domenica.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 4:57

NYON - Una settimana dopo la ripresa della Bundesliga si allarga il panorama dei campionati europei pronti a ripartire. Dopo le Isole Far Oer (due settimane va) e l¡¦Estonia (3 partite giocate martedì) , oggi tocca anche alla Repubblica Ceca.
VICINI AL RITORNO ¡X Nel panorama dei campionati europei, l¡¦unico a non aver mai chiuso è stato quello bielorusso, questi invece quelli che rivedremo presto: l¡¦8 giugno sarà il turno della Liga, che ha avuto il via libera proprio oggi dal governo spagnolo. Sarà il secondo grande campionato a ripartire, in un Paese come la Spagna duramente colpito dalla pandemia (oltre 28 mila le vittime). Nei prossimi giorni si rivedranno partite anche in Danimarca (al via il 28 maggio), Serbia (30 maggio), Austria (2 giugno), Portogallo (4 giugno), Slovenia (5 giugno), Croazia (6 giugno), Turchia (12 giugno), Norvegia (16 giugno), Russia (21 giugno), Finlandia (1¢X luglio), poi Romania (27 maggio), Polonia (29 maggio), Grecia (6 giugno), Svizzera (20 giugno).
IN ATTESA ¡X Con la Francia (Psg campione) e l¡¦Olanda che hanno definitivamente chiuso la stagione (ma a Parigi hanno già programmato il via della prossima stagione per il 22 agosto e attendono via libera dall'Uefa), hanno gettato la spugna anche Lussemburgo, Belgio (Bruges campione), Cipro e Scozia (Celtic campione). Oltre all¡¦Italia resta in attesa del semaforo verde anche la Premier League. Con 6 casi positivi su 748 campioni prelevati, sembra possibile una ripresa intorno a metà giugno, come l¡¦Italia, dove si ipotizza un ritorno in campo per il 14 giugno.


Data: 24/5/2020 ore 4:54

MILANO - Era dai tempi di Grigoris Georgatos e Georgios Karagounis che l'Inter non parlava greco. Ora un altro Georgios bussa alla porta nerazzurra: il suo cognome ¨¨ Vagiannidis, ha 18 anni e arriva dal Panathinaikos a scadenza di contratto. Proprio come successe nel 2003 alla bandiera del popolare club ateniese e campione d'Europa con la nazionale ellenica durante la sua esperienza interista.
Anche Vagiannidis si ¨¨ fatto apprezzare con le selezioni giovanili greche, visto che ¨¨ gi¨¤ approdato nell'Under 19 e si ¨¨ messo in luce nell'Europeo di categoria. Esterno destro molto veloce e dotato tecnicamente, ama cercare la porta avversaria ed ¨¨ davvero singolare la sua esperienza nella Super League greca. Nel Panathinaikos, infatti, ha debuttato il 16 febbraio scorso contro il Panetolikos. In campo per 61 minuti non poteva fare di pi¨´: un gol e un assist per il 3-1. Un debutto da incorniciare, se non fosse stata per la doccia fredda del giorno dopo. Con modi spicci i dirigenti del Panathinaikos fecero subito presente al ragazzo che senza la sua firma sul rinnovo di contratto non avrebbe pi¨´ visto il campo. E cos¨¬ ¨¨ stato.
Theo news


Data: 24/5/2020 ore 4:41

https://video.gazzetta.it/video-partita-calcio-clandestina-svizzera/c5a624bc-9ce8-11ea-9612-c98f0f493c1e?vclk=Videobar


Data: 23/5/2020 ore 23:25




Data: 23/5/2020 ore 23:2


Ahia


Data: 23/5/2020 ore 22:44

Davvero?

Cri


Data: 23/5/2020 ore 22:11

È˚ݤΉӤì½îÉÌÆ·¤ò¶àÊýÈ¡¤ê“B¤¨¤Æ¤ª¤ê¤Þ¤¹¡£È«¤Æ¼¤°²Ì؁ý¤Ç¤´Ìṩ.¤ªîŠ¤¤¤·¤Þ¤¹.
ѸËÙ¡¢´_Œg¤Ë¤ª¿Í˜”¤ÎÊÖÔª¤Ë¤ª½ì¤±Ö¤·¤Þ¤¹¡£
ŒgÎïдÕæ¡¢¸¶ÊôÆ·¤òÍê‚䤷¤Æ¤ª¤ê¤Þ¤¹¡£
µÍý¸ñ¤òÌṩ¤¹¤ë¤È¹²¤Ë¡¢Æ·Ù|¤ò½~Œ±£Ô^¤·¤Æ¤ª¤ê¤Þ¤¹¡£
ÉÌÆ·¤Î½»“Q¤È·µÆ·¤¬¤Ç¤­¤Þ¤¹¡£
¥Ö¥é¥ó¥É¥³¥Ô©`¥Ð¥Ã¥°¤ÎÕ\Œg¤ÈÐÅÓäεê
24•régÒÔÄڤ˳öºÉ¤·¡¢3¡«4Èդ˵½×Ť·¤Æ¡¢
¥í¥ì¥Ã¥¯¥¹•rӋ¥³¥Ô©` https://www.watcher00.com/watch/menu-pid-20.html


Data: 23/5/2020 ore 20:47

https://www.boxtobox.it/blog/alla-scoperta-del-dumbarton-football-club-fondatore-della-scottish-league-204


Data: 23/5/2020 ore 20:46

https://gianlucadimarzio.com/it/dundee-il-fascino-del-derby-di-tannedice-street-fc-e-united-separate-solo-da-un-vialetto


Data: 23/5/2020 ore 20:34

Esatto. Io mi la ricordo alla conduzione della DS, ora la vedo in diretta da Roma per le novità dell' ultima ora, sempre carina, misurata, molto affascinante. Theo


Data: 23/5/2020 ore 20:29

Ma poi rispetto a quei catafalchi classici Ra
i o alle nuove turbofregne che vanno di moda sembra anche competente

Cri



[1] [2] [3] [4] [5] 6 [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20]


Scrivi sul muro









 

 

Login