Bego per Sempre

Ci sono 800 messaggi


Data: 23/9/2020 ore 9:7

Aliboni era veramente un folle!

DRAGO D.O.C.


Data: 23/9/2020 ore 9:6

gda torna coi morti


Data: 23/9/2020 ore 8:57

TUTTI!
Sulle note di "The Entertainer" (La stangata)

Partendo piano, accelerando, senza battere le mani

SE C'E' BUCCI IN PORTA E' GOL!
SE C'E' BUCCI IN PORTA E' GOL!

Ripetuto, ad libitum, con battimani.

Centro per la conservazione dei cori contro i portieri "Aliboni" di Massa Carrara


Data: 23/9/2020 ore 8:51

Co' Taormina si perde sicuro!

DRAGO D.O.C. Sez. Buongiorno


Data: 23/9/2020 ore 8:39

Prendete Taormina!!!!

Cri


Data: 23/9/2020 ore 8:38

Siamo messi talmente bene che domenica sera han chiesto a spanò di rientrare. Abbiamo disponibile un difensore.
Chi ben comincia...
RCF


Data: 23/9/2020 ore 8:37




Data: 23/9/2020 ore 8:37

5,54 carina ma vestita male. E poi scommetto che appena apre bocca dice "ghesboro".
P75.


Data: 23/9/2020 ore 8:32

Theo qui sei tu ad essere distratto.. Dello Sheffield FC se ne è parlato diverse volte qui, il club più antico del mondo!

Cri


Data: 23/9/2020 ore 8:31

Buongiorno dall'Urbe!

Cri


Data: 23/9/2020 ore 6:23

https://thevision.com/habitat/eni-ambiente-africa/


Data: 23/9/2020 ore 6:15



E pure questo! Theo


Data: 23/9/2020 ore 6:9

Guardando i risultati di FA Cup, mi balza all' occhio l' esistenza di un



a cui va immediatamente la mia simpatia! Theo


Data: 23/9/2020 ore 5:54




Data: 23/9/2020 ore 5:53

https://www.rivistaundici.com/2020/09/23/maglie-calcio-2021/


Data: 23/9/2020 ore 5:51

https://www.rivistacontrasti.it/ronaldo-luis-nazario-de-lima-gioventu-brasile-portiere/


Data: 23/9/2020 ore 5:50

https://www.eurosport.it/calcio/serie-a/2020-2021/spadafora-dal-7-ottobre-stadi-aperti-in-base-alla-capienza_sto7900198/story.shtml


Data: 23/9/2020 ore 5:47

ZAGABRIA - Ivan Rakitic ha deciso di dire addio alla propria Nazionale. Dopo 106 presenze e 15 gol, a 32 anni il centrocampista non giocherà più con la maglia della Croazia. A comunicarlo è stato lo stesso calciatore in collaborazione con i vari profili ufficiali anche social della Nazionale e della Federcalcio (HNS).
Su Twitter, i messaggio della Croazia e le parole del giocatore che si salutano con tanto rispetto e grande, grandissimo sentimento.
“Ho capito che questo è il momento giusto per prendere questa decisione”, ha spiegato subito Rakitic. “Mi sono divertito in ogni singola partita che ho giocato per il mio Paese. Gli incredibili giorni che ho vissuto durante i Mondiali resteranno per sempre i miei preferiti, indelebili. Questa Nazionale ha un futuro brillante davanti, auguro il meglio a tutti i miei compagni di squadra, io sarò il loro più grande fan”.
Anche la Nazionale ha deciso di scrivere un breve messaggio molto simpatico per salutare il centrocampista: “Dopo 106 presenze e 15 gol, Rakitic lascia la nazionale. Grazie di tutto! Se dovessimo avere un quinto decisivo rigore da calciare, ti chiameremo”.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:46

PORTO ALEGRE - Il Gremio ha vinto gli ultimi 2 derby del campionato Gaucho contro l’Internacional di Porto Alegre: 1-0 e 2-0. I tifosi dell’Internacional non vogliono provare un’altra delusione, visto che si avvicina (in campo alle 2.30 ora italiana di notte di giovedì 24 settembre) il derby di Porto Alegre di ritorno in copa Libertadores. All’andata, lo scorso 13 marzo, era finita 0-0 e c’era stata una clamorosa rissa con 8 espulsioni: 4 per parte!
Per caricare la squadra, visto che per il distanziamento e la pandemia, non possono stare vicini ai giocatori, i tifosi dell’Internacional, nell’immediata vigilia della partita contro il Gremio, non hanno esitato ad affittare una barca e a fare cori all’indirizzo dei propri giocatori impegnati in allenamento. International e Gremio si affronteranno nella partita valida per la quarta giornata della Copa Libertadores 2020.
Il “Colorado” (l’Internacional) si gioca una buona parte delle proprie chances nella competizione e una vittoria lo lancerebbe praticamente al turno successivo, cosa che il “Tricolor” (il Gremio) cercherà di impedire. Alla vigilia della partita, i tifosi dell’Internacional si sono esibiti in una spettacolare sbandierata su una barca per provare a caricare la squadra di Coudet in vista del derby di Porto Alegre.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:43

RIO DE JANEIRO - Critiche, risultati negativi e una sfida da ultima spiaggia da affrontare in piena emergenza. Al Flamengo regna il caos e sul tecnico Domenec Torrent, sbarcato due mesi fa a Rio con il difficile compito di cancellare l'ombra di Jorge Jesus, incombe già la minaccia dell'esonero. A complicare il tutto, si è aggiunta anche l'esplosione di un focolaio nel ritiro di Guayaquil, dove i brasiliani stanno preparando la decisiva partita di questa notte contro il Barcelona senza poter contare su mezza squadra titolare a causa dei contagi da Covid-19.
BUFERA ROSSONERA — Il giocattolo sembra essersi rotto improvvisamente, tanto che di quella squadra capace di dominare il continente fino al lockdown di inizio marzo restano solo i cocci. Il Flamengo di Jorge Jesus, quello in grado di portare a casa la doppietta campionato-Libertadores, si è sciolto come neve al sole. Torrent, allievo di Guardiola per dieci anni e alla prima esperienza su una panchina di peso dopo una breve parentesi al New York City, si ritrova sulla graticola dopo appena 11 partite. In meno di due mesi, il "delfino" di Pep ha rimediato lo stesso numero di k.o. subiti dal suo predecessore nell'arco di un anno intero. L'avventura è partita male, con due sconfitte in campionato, e sta proseguendo ancora peggio, perché la scorsa settimana è arrivata l'umiliante scoppola in casa dell'Independiente del Valle: 5-0 in 90' di strapotere disarmante per gli ecuadoriani, che hanno chiuso la serata con oltre 20 tiri nello specchio della porta avversaria. In 60 anni di Libertadores, mai nessun campione in carica aveva rimediato una simile figuraccia. E a Rio sta rapidamente montando l'insofferenza.
VIRUS E CALAMITÀ — Così, al giro di boa della prima fase, i rossoneri si trovano costretti a vincere questa notte in casa del Barcelona. La vittoria a Guayaquil risulta fondamentale per evitare terremoti e ribaltoni, ma i brasiliani sono obbligati a dribblare anche imprevisti e calamità. Su tutti l'eruzione del vulcano Sangay, che, causa una copiosa pioggia di cenere, negli ultimi tre giorni ha impedito lo svolgimento di allenamenti sul campo. Inoltre, nel fine settimana è scattato l'allarme a causa del coronavirus: i tamponi realizzati su membri e staff della prima squadra hanno riscontrato il contagio di ben sette giocatori, tra cui l'ex juventino Diego, Bruno Henrique (l'ultimo Pallone d'oro sudamericano) e l'ex Atletico Madrid Filipe Luis, tutti immediatamente posti in isolamento per i canonici 14 giorni previsti dal protocollo sanitario. A conti fatti, Torrent si ritrova così senza mezza squadra titolare a disposizione, con Gabigol costretto a forzare i tempi di recupero dopo la botta rimediata la scorsa settimana. Per il tecnico, chiamato a salvare il posto, si annuncia una missione quasi disperata.


Data: 23/9/2020 ore 5:38

https://www.ilposticipo.it/calcio/caniggia-attacca-messi-non-e-un-leader-se-la-sua-squadra-non-e-piu-forte-dellaltra-va-in-difficolta/?intcmp=gazzanet-caniggia


Data: 23/9/2020 ore 5:36

https://www.cittaceleste.it/notizie-lazio/notizie-lazio-un-volo-lungo-10-anni-lanniversario-del-debutto-di-olympia-video/?intcmp=gazzanet-lazio


Data: 23/9/2020 ore 5:30

TALLIN - Tutto il mondo è paese. E fatta una legge, si trova… l’inganno. O, perlomeno, il modo di raggirarla. In Estonia, come riportato dal Guardian, si assiste a un caso più unico che rato. Un calciatore sostituito dopo appena tredici secondi di gioco.
STRATEGIA – Una istuazione al limite, quella della sfida fra il Levadia e il JK Nomme Kalju. Protagonista involontario della vicenda, Lauri Suup giovane calciatore che, per regolamento, doveva scendere in campo. Secondo e norme vigenti nel campionato locale, è obbligatoria la la presenza in campo dal 1′ di almeno due giocatori cresciuti nel settore giovanile. E per non violare la regola, il tecnico mette in campo il giovane del 2004, salvo procedere alla prima sostituzione dopo appena 13” di gioco.
FORZATURA – Una evidente forzatura che non è sfuggita al quotidiano inglese che ha immediatamente colto la palla al balzo per dare voce a un comportamento non esattamente sportivo. Il cambio era evidentemente concordato, considerando che sin dal fischio d’inizio a bordo campo era già pronto, con tanto di riscaldamento già effettuato, Vladyslav Chomutov. Non a caso, non appena è iniziato il gioco, la squadra ha immediatamente cercato di far uscire il pallone dal rettangolo di gioco. “Impresa” riuscita abbastanza facilmente e proprio in prossimità della panchina. E così la partita del povero Suup va in archivio… ancora prima che riuscisse a toccare un pallone.
SCELTA – Dietro questa scelta, ci sarebbe una… ragion di Stato. La squadra ospite era già largamente rimaneggiata per via di alcuni giocatori risultati positivi al covid-19 dunque il tecnico ha evidentemente optato per l’esperienza. In campo già c’erano troppe riserve e non si poteva “rischiare” ulteriormente. In nome del risultato dunque, Suup lascia il campo ma la scelta non viene premiata: la partita finisce 2-1 per il Levadia.


Data: 23/9/2020 ore 5:28

https://www.violanews.com/altre-news/maccarone-racconta-fiorentina-scelsi-la-samp-avrei-deluso-molti-a-siena-ed-empoli/?intcmp=gazzanet-maccarone


Data: 23/9/2020 ore 5:27

PARIGI - Il presidente della Federugby francese, nonché vice presidente del Sei Nazioni, Bernard Laporte da stamane è in stato di fermo a Parigi. Con lui anche il presidente del Montpellier Mohed Altrad e altre tre membri dei vertici federali, tutti coinvolti in un affare di pressioni sulle istituzioni e sponsorizzazioni sospette. Un colpo di scena, a due settimane dalle elezioni della massima istituzione rugbistica francese.
Tutto è partito nel 2017, quando Laporte sarebbe intervenuto per tentare di far ridurre squalifica e multa comminate al club di Altrad per degli striscioni esposti allo stadio del Montpellier. Un conflitto di interessi, secondo gli inquirenti, considerato il legame con il ricco imprenditore e proprietario del Montpellier che per primo è riuscito a diventare sponsor ufficiale delle maglie della nazionale francese, nonché sostenitore del Mondiale 2023, ma a tariffe considerate troppo preferenziali rispetto ad altri partner. Così l’affare è finito in mano agli inquirenti della procura finanziaria che stamane ha convocato tutto lo stato maggiore per degli interrogatori, ma ha pure deciso di mettere Laporte, Altrad in stato di fermo insieme al vice presidente della federazione Serge Simon, al responsabile delle relazioni internazionali Nicolas Hourquet, e al direttore generale del Mondiale 2023, Claude Atcher. Per l’entourage del presidente, si tratta di una “vendetta mediatica”.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:25

https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Torino/22-09-2020/torino-giocatore-positivo-covid-allenamento-annullato-3802175641311.shtml


Data: 23/9/2020 ore 5:23

ROMA - Il braccio di ferro tra l’Aic e la Lega Pro sconfina nello sciopero dei calciatori, annunciato dal sindacato per la prima giornata del campionato di Serie C, in programma nel weekend del 26 e 27 settembre. Una minaccia più volte sbandierata che ora si è concretizzata attraverso un comunicato ufficiale dell’Assocalciatori, “preso atto dell’impossibilità di raggiungere un’intesa con la Lega Pro sul regolamento del minutaggio dei giovani e l’abolizione delle liste dei giocatori utilizzabili nel campionato di Serie C”.
DETTAGLI — Nel mirino la novità introdotta quest’anno delle liste chiuse a 22 giocatori. Una norma che la Lega Pro ha introdotto per salvaguardare la sostenibilità economico-finanziaria dei club. L’Aic, invece, parla di “inspiegabile passo indietro della Lega Pro, rispetto al regolamento in vigore nella precedente stagione sportiva, relativo alla reintroduzione di limitazioni, sostanzialmente obbligatorie, dell’utilizzo di un numero massimo di calciatori professionisti”.
REAZIONI — Non si è fatta attendere la replica di Francesco Ghirelli, presidente Lega Pro: “Lo sciopero? Un errore micidiale. La sensazione è che manchi la consapevolezza della situazione attuale, visto che si indice uno sciopero su temi che possono portare al crac del calcio italiano: lavoreremo per riannodare i fili della situazione e per far capire la necessità della sostenibilità complessiva del sistema in un momento difficile“. Ghirelli ha aggiunto: “Tutto va ridiscusso, non possiamo fare riferimento alla situazione di un anno fa, al mondo pre-Covid, perché dalla fine dell’inverno le squadre non hanno incassi da botteghino e gli sponsor sono ai minimi. La nostra azione è tesa a ridurre costi delle società e a far giocare i giovani”.


Data: 23/9/2020 ore 5:21

SARAJEVO - Tante certezze dopo la vittoria per 5-0 della Nazionale femminile in casa della Bosnia nelle qualificazioni all’Europeo 2022 che si disputerà in Inghilterra. Di fatto giocheremo come minimo il playoff, visto che abbiamo blindato il secondo posto con le padrone di casa, terza forza del Gruppo B, a -6 e una sola partita da disputare. Alla fase finale della competizione si qualificano infatti le prime dei nove gruppi, le tre migliori seconde e le tre vincenti degli spareggi tra le restanti sei migliori seconde. Ma per il momento siamo ancora in testa al girone a braccetto con la Danimarca, che sfideremo per il primo posto in casa il 27 ottobre e fuori il 1° dicembre. Si tratta anche della settima vittoria su sette nelle gare di qualificazione e la nona su nove giocate dopo il Mondiale di Francia 2019.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:19

MONACO DI BAVIERA - Un calendario fitto, da affrontare senza preparazione nelle gambe. Il Bayern Monaco, dopo aver vinto il secondo triplete della propria storia (l'altro nel 2013) ha cominciato la stagione come meglio non poteva: 8-0 allo Schalke. La fame di vittorie c'è, le energie potrebbero però venire a mancare. Ottenuto il successo in Champions i giocatori bavaresi hanno avuto a disposizione appena 7 giorni di riposo (ne avevano avuti altri 14 al termine della Bundesliga), il ritiro estivo è quindi saltato. Nel breve termine, considerando la partenza sprint, non ci sono controindicazioni, ma alla lunga potrebbe diventare un problema.
LA SITUAZIONE — Domenica, a Budapest, il Bayern contenderà la Supercoppa Europea al Siviglia. In 11 giorni giocherà 4 partite: oltre agli spagnoli dovrà sfidare Hoffenheim ed Hertha in campionato e Borussia Dortmund nella Supercoppa tedesca. E sarà solo la prima di una serie di tour de force che possono arrivare fino a fine stagione. Considerando la Bundesliga, il Mondiale per club, la Coppa di Germania, le due Supercoppe e la Champions League, il Bayern può arrivare a disputare 57 partite. La prima, vinta con lo Schalke, datata 18 settembre, l'ultima (sarebbe la finale di Champions), prevista per il 29 maggio. Sarebbero 57 incontri in 253 giorni. In media una gara ogni 4,4 giorni, benché in mezzo ci siano le soste per le nazionali e le vacanze di Natale. Tanti impegni, poco riposo.
I NAZIONALI — Da Müller a Boateng, fino a Cuisance, il Bayern in rosa ha anche alcuni giocatori che non rientrano (o non rientrano più) nei piani delle rispettive nazionali. Molti degli atleti a disposizione di Flick, però, giocano regolarmente con nazionali forti e ambiziose come quella tedesca (Neuer, Gnabry, Sané, Goretzka, Kimmich, Süle) e francese (Tolisso, Hernandez, Pavard, Coman). Questo, ovviamente, non aiuta. Alcuni calciatori, fra Nations League ed Europei, possono arrivare a disputare circa 70 partite in 10 mesi. E anche se la fame non manca, le energie, alla lunga, possono venir meno.


Data: 23/9/2020 ore 5:15

PARIGI - È tutto un insulto. Dal Brasile sono sicuri: Neymar è stato vittima di offese razziste da parte del marsigliese Gonzalez che però a sua volta si è preso insulti omofobi dal brasiliano, accusato quindi dalla Spagna di aver aggredito verbalmente pure l'altro marsigliese Sakai. E adesso tocca alla commissione disciplinare francese fare chiarezza sui postumi di Psg-Marsiglia di dieci giorni fa, conclusa in rissa con l'espulsione, tra i vari, del fuoriclasse parigino.
ESPERTI — Neymar, pur avendo riconosciuto un comportamento poco corretto, non fa un passo indietro e mantiene le accuse di razzismo nei confronti di Gonzalez che così gli avrebbero fatto perdere il controllo. Inizialmente non erano stati trovati stralci di gara in grado di comprovare la tesi del giocatore del Psg, ma in Brasile, la tv Globo ha sottoposto alcune immagini a tre esperti che sono categorici: “Gonzalez ha dato della scimmia a Neymar”. Anche il quotidiano Le Parisien ha ottenuto lo stesso responso da uno specialista labiale spagnolo. Ma lo spagnolo Gonzalez ha smentito fin da subito: “Mai offeso nessuno in carriera in termini razzisti, Neymar deve imparare a perdere”.
INCROCI — Dalla Spagna quindi arriva il contrattacco: Neymar ha pure insultato il giapponese Sakai del Marsiglia, dandogli del “cinese di m...”. E non è finita qui, perché dalle riprese emerge che il brasiliano ha pure rivolto insulti omofobi a Gonzalez. Il fatto è che Psg-Marsiglia è stata cadenzata da provocazioni e falli e si è conclusa con 14 ammonizioni e cinque espulsioni. Mercoledì scorso, la commissione disciplinare si è limitata ai fatti e l'espulsione di Neymar è stata punita con due turni di squalifica, già scontati, e uno in diffida. Poi però ha aperto un'inchiesta per far luce sugli insulti razzisti. Da capire se saranno ponderati con quelli altrettanto gravi di stampo omofobo e di discriminazione territoriale.


Data: 23/9/2020 ore 5:13

LUGANO - Ha avuto la mano pesante il procuratore svizzero che a Bellinzona ha portato alla sbarra il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi. La richiesta dell’accusa, nell’ambito del processo che vede coinvolto anche l’ex segretario della Fifa, Jerome Valcke, è di 28 mesi di prigione per il dirigente parigino. Di questi 24 con la condizionale, ma giovedì ci sarà l’arringa difensiva per smontare l’imputazione di "incitazione a una gestione sleale". La sentenza è prevista per fine ottobre.
VILLA — Il caso riguarda l’assegnazione dei diritti tv in Medioriente e Nord Africa per i Mondiali 2026 e 2030. Secondo la procura svizzera, Al Khelaifi, presidente anche del gruppo media BeIn, li avrebbe ottenuti anche mettendo a disposizione di Valcke a condizioni vantaggiose una villa in Sardegna. Il qatariota però ha sempre negato ogni legame con l’operazione immobiliare e con eventuali manovre illegali. Valcke, per cui sono stati richiesti 36 mesi per corruzione emersa anche in un’indagine parallela, ha confermato parzialmente un accordo, dissociandolo però dall’assegnazione dei diritti tv e contestualizzando il tutto in ambito privato.
DIFESA— Giovedì i legali di Al Khelaifi avranno il compito di smontare l’accusa, con una richiesta di proscioglimento. È la prima volta, ricorda l’Afp, che in un tribunale europeo vengono richieste pene di prigione per uno scandalo legato al calcio mondiale. La sentenza è attesa per fine ottobre e il dirigente parigino è determinato in ogni caso a dimostrare la sua estraneità ai fatti.


Data: 23/9/2020 ore 5:11

https://www.gazzetta.it/Calcio/Premier-League/22-09-2020/sorpresa-newport-county-coppa-lega-united-ok-3802192095355.shtml


Data: 23/9/2020 ore 5:10

https://www.gazzetta.it/Calcio/Calciomercato/Juventus/21-09-2020/juve-morata-diventato-uomo-torino-pirlo-3802166932508.shtml

Bello. Theo


Data: 23/9/2020 ore 5:6

TORINO - "Bentornato Alvaro". Ora è ufficiale, Morata è un giocatore della Juve. L'annuncio soltanto in tarda serata sui profili social della società bianconera.
Morata era arrivato ieri dopo la mezzanotte con un volo privato a Caselle, accompagnato da tutta la famiglia (la moglie Alice e i due figli, i gemelli Alessandro e Leonardo). Arriva in prestito dall'Atletico con la formula del prestito biennale: 10 milioni per il primo anno e altri 10 per il secondo con il riscatto fissato a 45 milioni (che scala a 35 se viene riscattato al termine del biennio).
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:4

FIRENZE - "Io voglio distruggere tutto e rifarlo". Non usa mezze misure Rocco Commisso uscendo da Palazzo Vecchio. In Comune ha appena incontrato il sindaco di Firenze Dario Nardella e l'oggetto del contendere è lo stadio Artemio Franchi. "Va fatto per Firenze e per i tifosi, lasciate investire chi vuole investire" incalza Rocco. Che prosegue. "Ora si deve andare a Roma, al Ministero dei Beni Culturali, e mostrare ciò che vogliamo fare: spero che l'emendamento appena approvato sia stato fatto in questo senso. Ci sono problemi sismici, cadono i calcinacci, ci piove sopra, è veramente una cosa brutta. Mia moglie non è voluta entrare nei gabinetti. Firenze non si merita questo, ma una cosa bella, moderna, che aggiunge bellezza alla città. E i tifosi devono essere fieri del proprio stadio".
Ancora il presidente viola. "Non si può vedere una partita dalla curva, persino i vetri si appannano. Come posso chiedere i soldi ai tifosi per vedere una partita in queste condizioni? Sono più ottimista rispetto a qualche mese fa, ma dipende sempre da cosa ci fanno fare. Se il Ministero non ci darà l'ok, si terranno il Franchi così com’è. E coloro che ci diranno di no poi si prenderanno le proprie responsabilità. Controllo, velocità e tempi giusti, queste sono le mie condizioni. Il Franchi non è il Colosseo. Non voglio buttare giù il Ponte Vecchio, ma un impianto che in un Paese normale nel ventunesimo secolo non dovrebbe esistere". Infine sull'ipotesi nuovo stadio a Campi Bisenzio e non al posto del Franchi. "Domani mattina sarò a Campi, intendo vagliare tutte le opportunità".
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:1

ROMA - Il giudice sportivo della Serie A ha inflitto lo 0-3 a tavolino alla Roma per aver schierato sabato sera nella partita di esordio del campionato contro il Verona il centrocampista Amadou Diawara, non incluso nella lista dei 25 giocatori della rosa visto che non era né negli Under 22, avendo compiuto 23 anni a luglio, né negli Over, dove ora è stato inserito.

61
Leggi i commenti
In serata la presentazione dell'"avviso di reclamo" da parte della Roma, anticamera del ricorso vero e proprio da presentare entro una settimana: entro dieci giorni ci sarà il dibattimento. Il club giallorosso punterà sulla buonafede e sul fatto che non ha avuto alcun vantaggio dall’errore (avendo ancora vari slot liberi per gli Over). A questo punto il Verona sale a quota tre punti in classifica, la Roma scende a zero, dopo che i 90’ si erano conclusi sullo 0-0.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 5:0

https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Roma/22-09-2020/roma-de-sanctis-querela-er-faina-che-accusa-essere-colpevole-sconfitta-tavolino-3802192217483.shtml


Data: 23/9/2020 ore 4:58

PARIGI - Da oggi, chi arriva in Italia da Parigi e altre zone della Francia, dovrà sottoporsi a tampone obbligatorio. Una decisione che illustra la gravità della situazione epidemiologica in un Paese dove metà dei dipartimenti sono in zona rossa. Un deputato della maggioranza presidenziale però ha deciso di spingere affinché salti il limite di 5 mila spettatori negli stadi. Meglio rapportarsi alla capienza degli impianti e al contesto sanitario a livello locale.
L’emendamento presentato da Sacha Houlié prevede infatti che l’afflusso dei tifosi sia regolato su due parametri: il numero di posti disponibili e il grado di allerta sulla circolazione del Covid-19. Così, anche per evitare disparità - visto che ogni Prefetto può concedere delle deroghe, come capitato in Ligue 2 per una gara dell’Auxerre giocata davanti a 7mila spettatori – il parlamentare ha stabilito una nuova scala di ponderazione. Nei territori in zona verde si potranno accogliere un numero di tifosi pari al 50% della capienza totale. In zona arancione, si scende al 25%. In zona rossa, massimo il 10%. E a perderci in questo caso sarebbe proprio il Psg, visto che la capitale si trova in zona rossa e il Parco dei Principi potrebbe allora aprire le porte a un massimo di 4800 tifosi. Duecento in meno dell’attuale soglia massima.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 4:55

LONDRA - Terzo turno di Coppa di Lega sconvolto dal Covid 19: dopo il rinvio di Leyton Orient-Tottenham per il focolaio emerso nel club di League Two - il provvedimento costerà un mancato incasso di oltre 130 mila euro per la trasmissione tv del match saltata all’ultimo momento -, situazione choc nel West Ham, con l’allenatore scozzese David Moyes, il difensore Issa Diop e il centrocampista Josh Cullen allontanati dal London Stadium 45 minuti prima del calcio d’inizio contro l’Hull City, per le positività emerse nei test effettuati lunedì. "L’allenatore e i due calciatori sono immediatamente tornati a casa - il comunicato del club -. Sono tutti asintomatici". Il tecnico e i giocatori sono stati isolati in stanze separate e hanno poi lasciato lo stadio.
Diop e Cullen dovevano giocare dall’inizio. La squadra è stata affidata al vice, Alan Irvine. Nel rispetto delle linee guida del protocollo, Moyes, 57 anni e i due calciatori dovranno ora autoisolarsi per dieci giorni. Salteranno la gara di campionato con il Wolverhampton, in programma il 27 settembre. Nel West Ham, partito malissimo in campionato, ancora a quota zero, è ovviamente scoppiato l’allarme. Saranno effettuati in tempi brevi nuovi test per verificare che non ci siano altri casi.
Theo news


Data: 23/9/2020 ore 4:48

VERONA - Il Chievo ha ufficializzato l’acquisto a titolo definitivo dal Torino di Manuel De Luca, attaccante classe ‘98.
Theo news



[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] 19 [20]


Scrivi sul muro









 

 

Login