Bego per Sempre

Ci sono 800 messaggi


Data: 4/12/2018 ore 10:14

Il 18 dicembre c'è ir centenario!
Siete già tesi? U.


Data: 4/12/2018 ore 10:9

Ieri sera puntata sui misfatti delle multinazionali del tessile in Cina e Tunisia.
Praticamente hanno scoperto che in Cina tengono aperti i bidoni dei solventi e non usano i dispositivi di protezione individuale (SCUP!).
In Tunisia invece c'è un padrone italiano che spacca le gambe agli operai che protestano.
Occasione persa per affrontare seriamente il problema del tessile italiano.

Bresà


Data: 4/12/2018 ore 10:8

Potrebbe dare grandi soddisfazioni!
P75.


Data: 4/12/2018 ore 10:0

ma Alessandra Cantini la invitiamo o no?
Ath


Data: 4/12/2018 ore 9:40

Bentornato LaneVirtusR. U.


Data: 4/12/2018 ore 9:39

Buondì. U.


Data: 4/12/2018 ore 9:32

martedì nebbia, lavoro merda
Ath


Data: 4/12/2018 ore 9:26

Vero Stiui, sciarpa di grande qualità per una persona di enorme qualità. Avrei sempre quella del Presidente qua ma sono convinto che prima del 2073 la passi a ritirare. BEGO SEMPRE PRESENTE!
Easy


Data: 4/12/2018 ore 9:23

vicenza presente

laner


Data: 4/12/2018 ore 8:54

per puro dovere di cronaca la sciarpa del Bego è entrata anche dentro il Braglia (nella parte giusta eh) non però il giorno del derby.. due settimana prima per Modena contro boh.. una di quelle là.. per il derby giusto sia stato solo in mezzo alla sua gente dalla parte sbagliata.
da segnalare anche che, oltre al significato infinito e anche più, la comodità e morbidezza della stessa.. un bel lavoro dei ragazzi. insomma.. a glo adoss anch inco.
Steve


Data: 4/12/2018 ore 8:46

Lugano presente.
Gnegne


Data: 4/12/2018 ore 8:42

Bego Seimper Che'!

Ath 'giorno


Data: 4/12/2018 ore 8:30

buongiorno da MoDna!!
Steve


Data: 4/12/2018 ore 8:2

Esci le foto dell'Arena con lo striscione dei Rangers


Data: 4/12/2018 ore 8:0

Capitolo pallone d’oro.

Per me il giocatore più forte e più decisivo nel 2018 è stato Griezmann.
Il più forte in generale è Messi.

Ronaldo gobbo di merda

A.


Data: 4/12/2018 ore 8:0

la svizzera saluta

A.


Data: 4/12/2018 ore 6:13



Semper che
Msl


Data: 4/12/2018 ore 0:14

http://www.thefa.com/news/2018/dec/03/fa-cup-third-round-draw-031218

Ded to RCF

Cri


Data: 3/12/2018 ore 21:10

https://www.google.it/url?sa=i&source=web&cd=&ved=2ahUKEwj9_OfMu4TfAhVK0RoKHZK8D1oQzPwBegQIARAC&url=https%3A%2F%2Fsport.sky.it%2Fcalcio%2Fserie-a%2F2018%2F12%2F03%2Fatalanta-napoli-risultato-gol.html&psig=AOvVaw2qnNfQblXLtoPhQ3UgUW1O&ust=1543954163140850


Data: 3/12/2018 ore 20:6




Data: 3/12/2018 ore 19:11

Da Lugano è tutto
Gnegne


Data: 3/12/2018 ore 19:6

infatti si!

Cri


Data: 3/12/2018 ore 19:3

quasi quasi me ne vado...

Cri


Data: 3/12/2018 ore 18:50

Sabato prossimo a Parigi saranno sorteggiati i gironi del prossimo Mondiale femminile che si svolgerà in Francia fra giugno e luglio prossimi. La FIFA sul proprio sito ha snocciolato alcune statistiche sulle squadre qualificate:

Quattro sono le squadre che hanno vinto tutte le gare del loro girone: si tratta di Spagna, Brasile, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Così come sono quattro le debuttanti assolute alla Coppa del Mondo: Cile, Giamaica, Scozia e Sud Africa, mentre sono ben sette quelle che hanno partecipato a tutte le edizioni (Brasile , Germania , Giappone , Nigeria , Norvegia , Svezia e Stati Uniti).

Un traguardo quello dei sette mondiali inseguito anche dalla centrocampista brasiliana Formiga che, se convocata, stabilirà un nuovo record superando la giapponese Homare Sawa e qualora dovesse giocare sarà anche la più anziana partecipante a una competizione iridata con 41 anni e mezzo, seconda solo a Roger Milla del Camerun maschile.

L’Italia invece è la squadra che ha fatto passare più anni fra una qualificazione e l’altra delle 24 ai nastri di partenza: ben 20 che sono trascorsi dalla seconda volta nel 1999 e la terza che sarà appunto nel 2019.

Infine c’è grande attesa per sapere se Svezia e Stati Uniti si incontreranno nuovamente in una gara di Coppa del Mondo visto che i precedenti sono già cinque e che nelle ultime tre edizioni le due nazionali sono sempre finite nello stesso girone.


Data: 3/12/2018 ore 18:26

https://www.repubblica.it/sapori/2018/12/03/news/buono_due_volte_progetto_enogastronomico_comunita_san_patrignano-210829360/?ref=RHPPBT-VP-I0-C4-P27-S1.4-T1


Data: 3/12/2018 ore 18:21




Data: 3/12/2018 ore 18:20





Data: 3/12/2018 ore 18:15




Data: 3/12/2018 ore 17:49

da însã pisda?

A.R.


Data: 3/12/2018 ore 17:31

Il 21 dicembre 1989 Nicolae Ceauşescu, il dittatore comunista della Romania, organizzò una manifestazione di massa in suo appoggio nel centro di Bucarest. Nel corso dei mesi precedenti l’Unione Sovietica aveva fatto mancare il suo sostegno ai regimi comunisti dell’Europa orientale, il muro di Berlino era caduto e le rivoluzioni comuniste erano state spazzate via dalla Polonia, dalla Germania dell’Est, dall’Ungheria, dalla Bulgaria e dalla Cecoslovacchia. Ceauşescu, che guidava la Romania dal 1965, ritenne di poter resistere allo tsunami, anche se il 17 dicembre erano scoppiati dei disordini contro il suo regime nella città romena di Timişoara. Tra le varie contromisure, Ceauşescu organizzò una massiccia manifestazione a Bucarest per dimostrare ai romeni e al resto del mondo che la maggioranza della popolazione lo amava ancora –o almeno aveva paura di lui. Lo scricchiolante apparato di partito mobilitò ottantamila persone per riempire la piazza centrale della città, e i cittadini nel resto del paese ricevettero istruzioni di cessare tutte le attività e di accendere le radio e le televisioni. Incoraggiato da una folla apparentemente entusiasta, Ceauşescu si affacciò sulla terrazza che dominava la piazza, come aveva fatto decine di volte nei decenni precedenti. Scortato da sua moglie Elena, dai membri più importanti del partito e da una folta schiera di guardie del corpo, Ceauşescu attaccò uno dei suoi tipici, tetri discorsi, apparendo molto compiaciuto di se stesso, mentre la folla applaudiva meccanicamente. Fu allora che qualcosa andò storto. Potete vederlo con i vostri occhi su YouTube. Basta cercare “Ultimo discorso di Ceauşescu”e osservare la storia in azione. 20 Il video di YouTube mostra il dittatore che dopo i saluti di rito comincia una frase, dicendo “Voglio ringraziare i promotori e gli organizzatori di questa grandiosa manifestazione a Bucarest, considerandola come un...”e poi si ammutolisce, i suoi occhi si spalancano e rimane bloccato per l’incredulità. Non portò mai a termine la frase. In quella frazione di secondo si può osservare il collasso di un intero mondo. Qualcuno nel pubblico fischiò. Ancora oggi ci si interroga chi sia stata la prima persona che osò fischiare. E poi un’altra persona fischiò e un’altra e un’altra ancora, e nel giro di pochi secondi l’intera massa si mise a protestare, lanciare invettive e inneggiare “Ti-mi-şoa-ra! Ti-mi-şoa-ra!”Tutto questo accadde in diretta sulla televisione romena, mentre tre quarti della popolazione era incollata agli schermi, con i cuori che battevano all’impazzata. La famigerata polizia segreta –la Securitate –ordinò immediatamente all’emittente di interrompere le comunicazioni, ma lo staff disobbedì. L’operatore puntò la telecamera verso il cielo affinché gli spettatori non potessero scorgere il panico che aveva colto i capi del partito sul terrazzo, ma il fonico continuò a registrare e i tecnici non interruppero la trasmissione. L’intera Romania sentì la folla ululare mentre Ceauşescu gridava “Pronto! Pronto! Pronto!”come se il problema fosse un malfunzionamento nel microfono. Sua moglie Elena cominciò a rimproverare l’uditorio “Fate silenzio! Fate silenzio!”finché Ceauşescu non si girò verso di lei e le intimò –sempre in diretta televisiva –“Sta’zitta!”Ceauşescu allora si rivolse alla folla eccitata nella piazza, implorando “Compagni! Compagni! Silenzio, compagni!”



Data: 3/12/2018 ore 17:31

Ma no ma no
Mi hanno invitato per un WE last minute ed ero certo foste scesi al paesello (PI ma anche BAT). U.


Data: 3/12/2018 ore 17:27

Uti era a milano?
bene
bravo bravo
colly


Data: 3/12/2018 ore 17:16

Ai primi del Novecento, un cavallo chiamato Hans l’Intelligente divenne una celebrità tedesca. Girando per paesi e villaggi della Germania, Hans diede prova di una straordinaria capacità di comprensione della lingua tedesca e abilità matematiche ancora più stupefacenti. Quando gli si chiedeva “Hans, quanto fa quattro per tre?”Hans batteva il suo zoccolo dodici volte. Quando gli veniva mostrato un messaggio scritto in cui gli si chiedeva “Quanto fa venti meno undici?”Hans batteva lo zoccolo nove volte, con una encomiabile precisione prussiana. Nel 1904 il Consiglio per l’educazione tedesco creò una commissione scientifica ad hoc guidata da uno psicologo per indagare sul fenomeno. I tredici membri della commissione –tra cui il gestore di un circo e un veterinario –erano convinti che si trattasse di un imbroglio, ma nonostante tutti i loro sforzi non riuscirono a individuare alcuna frode o trucco. Anche quando Hans fu separato dal suo proprietario e furono persone del tutto sconosciute a porgli le domande, Hans continuò a rispondere per lo più in modo corretto. Nel 1907 lo psicologo Oskar Pfungst iniziò un’altra indagine che alla fine svelò il mistero. Venne fuori che Hans dava le risposte corrette osservando con attenzione il linguaggio del corpo e le espressioni facciali dei suoi interlocutori. Quando a Hans veniva chiesto quanto fa quattro per tre, lui sapeva dalle sue esperienze passate che gli umani si aspettavano che lui battesse il suo zoccolo un dato numero di volte. Lui cominciava a battere, osservando con attenzione le reazioni umane. Mentre Hans si avvicinava al numero corretto di battiti l’umano diventava sempre più teso, e nel momento in cui Hans batteva il numero giusto la tensione raggiungeva l’apice. Hans sapeva riconoscere questa alterazione dalla postura del corpo e dall’espressione del volto dei suoi interlocutori umani. Allora lui cessava di battere, e osservava come lo stupore o il riso prendevano il posto della tensione. Hans sapeva di aver fatto centro.


Data: 3/12/2018 ore 17:11

Uti che viene a milano 3 giorni e non dice un cazzo

Teo che è a Pisa e chiama anche il cane di dio maiale e a me no

Drago va a vedere Bennato , il MIO BENNATO ... assieme a salvini ....


poi rompetemi ancora il cazzo che non scrivo abbastanza

ma andate a fare in culo

gigi®



ps : TEO , sabato ero in corso a vendere le sciarpe per il monte pisano e domenica alla partita come sempre ... il tutto entrando ed uscendo dall'ospedale 4 volte per supportare mio suocero .... forse ci siamo capiti male ma non ricordo tu mi abbia mai detto di domenica od io ti abbia detto che non ci sarei stato ... per NOVARA al momento è sempre NO perché dovrei scendere per un consulto con i dottori e prendere delle decisioni

gigi®


Data: 3/12/2018 ore 17:9

https://www.ecodibergamo.it/stories/Sport/atalanta-napoli-ora-anche-le-foto-fakelimmondizia-allo-stadio-e-un-falso_1295972_11/


Data: 3/12/2018 ore 17:8

Sensa lilleri non si lallera

Romeo A.


Data: 3/12/2018 ore 16:55

Se la sete è tanta, vien buona anche la Fanta.
Dan Peterson


Data: 3/12/2018 ore 16:54

Ma caa dici?
Easy


Data: 3/12/2018 ore 16:53

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato.

Albert E.


Data: 3/12/2018 ore 16:51

L'avidità, non trovo una parola migliore, è valida[1], l'avidità è giusta, l'avidità funziona, l'avidità chiarifica, penetra e cattura l'essenza dello spirito evolutivo. L'avidità in tutte le sue forme: l'avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha improntato lo slancio in avanti di tutta l'umanità. E l'avidità, ascoltatemi bene, non salverà solamente la Teldar

G. Gekko



[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] 19 [20]


Scrivi sul muro









 

 

Login